Autodichiarazione 2018: chi la deve fare e chi NON deve farla (sia comune che provincia di Livorno)

Tabella riepilogativa per fare chiarezza su scadenziario e periodicità delle autodichiarazioni per il 2018 nel territorio della provincia di Livorno

Scarica il file .pdf

tabella autodich 2018 rev 4 pag 1

 

tabella autodich 2018 rev 4 pag 2

 

Precisazione sugli impianti da autodichiarare nel 2018 su Comune di Livorno

Terminata la gestione delle autodichiarazioni e delle ispezioni da parte del Comune di Livorno, con il subentro della Regione nel 2017 è necessario recepire quanto dispone il regolamento regionale degli impianti termici riguardo la periodicità di effettuazione del controllo di efficienza energetica e del conseguente invio del RCEE e pagamento del bollino.
Conseguentemente le attività su comune e provincia saranno, finalmente, allineate con stesse procedure, tempistiche e strumenti da utilizzare (più in generale questo vale per tutta la Regione Toscana).


Tenuto conto che nel 2017 la campagna di autodichiarazione del Comune di Livorno era chiusa (quella partita il 1° ottobre 2015 e terminata il 30 settembre 2016 copriva di fatto tutto il 2017), per stabilire se nel 2018 l’impianto deve essere autodichiarato o meno, dovrà essere considerato quando è stato fatto l’ultimo controllo di efficienza energetica e non quando è stato pagato l’ultimo bollino.


Ad esempio, se un impianto a metano da 25 kW con più di 4 anni ha fatto il controllo di efficienza energetica nel 2016, farà il nuovo controllo nel 2018 ed entro i successivi 30 giorni dovrà essere inviato al SIERT-CIT della Regione il RCEE e dovrà essere pagato il bollino. Se invece il controllo di efficienza energetica è stato fatto nel 2017 (e prima ancora, correttamente, nel 2015) pur non avendo pagato il bollino perché non era dovuto, farà il nuovo controllo di efficienza energetica nel 2019 ed a quella data (o meglio entro 30 giorni) invierà al SIERT-CIT della Regione il RCEE pagando il bollino.

 

 

Joomla Templates by Joomla51.com