Energia Idraulica

L'energia idroelettrica sfrutta l'energia potenziale contenuta in una massa d'acqua in quota, questa si trasforma in energia cinetica e viene convertita in energia elettrica tramite turbine idrauliche.

La potenza di un impianto dipende dalla portata e dal dislivello (salto geodetico).

Gli impianti si dividono in:

  • micro idroelettrico     P < 100 kW
  • mini idroelettrico       100 < P 1.000 kW
  • piccolo idroelettrico  1.000 < P 10.000 kW
  • grande idroelettrico   P > 10.000 kW
Gli impianti possono essere di tre tipologie:
  • Acqua fluente: L'impianto viene posizionato su un corso d'acqua.
  • A bacino: L'acqua viene raccolta in un bacino tramite un'opera di sbarramento o diga.
  • Ad accumulo: L'acqua viene portata in quota per mezzo di pompe.

Per ulteriori informazioni consultare il sito della REGIONE TOSCANA

PROCEDURE AUTORIZZATIVE

Tipo di impianto

Tipologia di autorizzazione

Procedura da seguire

Impianti aventi le seguenti caratteristiche:

  1. realizzati in edifici esistenti, sempre che non alterino i volumi e le superfici, non comportino modifiche delle destinazioni d’uso, non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici;
  2. aventi una capacità di generazione fino a 200 kWe

Attività libera
(ai sensi dell’art. 123, comma 1, secondo periodo e dell’art. 6, comma 1, lettera a) del DPR 380/2001

Comunicazione scritta al Comune prima dell’inizio dei lavori

Impianti (escluso quelli realizzabili come attività libera) di potenza inferiore a 100 kWe

PAS
(art. 16 L.R. 39/2005, D.lgs 387/2003 e D.lgs 28/2011)

Presentazione della PAS, ai sensi del D.lgs 28/2011, al Comune

Altri impianti

Autorizzazione unica provinciale, eventualmente data all’interno dell’atto di concessione di derivazione acqua, anche se questo deve essere acquisito.

Istanza alla Provincia

Joomla Templates by Joomla51.com