09/02/2018 Precisazioni per ditte di manutenzione

Casi in cui è necessario o meno compilare il libretto di impianto

casi in cui e necessario o meno compilare il libr impianto

 

Precisazione su compilazione RCEE

Si fa presente che nell'inserimento degli RCEE, il SIERT-CIT ripropone i dati (crocette) del precedente RCEE inserito per facilitarne la compilazione.

  

Tempistiche presentazione RCEE e bollino, precisazioni solo per Comune di Livorno

domanda 1

Utente ha fatto efficienza energetica con bollino nel 2015, nel 2017 ha saltato sia manutenzione che efficienza energetica, nel 2018 quando la ditta va a fare manutenzione deve fare anche efficienza energetica e bollino?

Si, nel 2018 deve fare sia efficienza energetica che bollino; si ricorda che l'utente è soggetto a sanzione da parte della Regione Toscana in quanto non ha eseguito le manutenzioni ed i controlli di efficienze energetica nelle tempistiche previste dalla normativa regionale.

domanda 2

RCEE compilato nel 2016 con bollino, riportando però prova fumi del 2015, quando deve essere rifatto il bollino?

Se nel RCEE compilato nel 2016 è stato specificato che la prova fumi risale al 2015, il successivo controllo di efficienza energetica ed il relativo RCEE doveva essere fatto nel 2017 (senza bollino perchè non c'era la campagna di autodichiarazione) e quindi il prossimo controllo di efficienza energetica e RCEE + bollino dovrà essere fatto nel 2019.

Se nel RCEE compilato nel 2016 non è stato specificato che la prova fumi risaliva al 2015, si deve necessariamente assumere che il controllo di efficenza energetica sia stata contestuale alla compilazione del RCEE, e quindi è del 2016, di conseguenza il il prossimo controllo di efficienza energetica e RCEE + bollino andrà fatto nel 2018.

Precisazione su impianto termico e libretto

La definizione di “impianto termico” comprende anche gli impianti individuali di riscaldamento, ma non sono considerati impianti termici, apparecchi quali:

       stufe

       caminetti

       apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante.

Però tali apparecchi, se fissi, sono assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare di tutti gli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kW.

Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate.

Il D.P.R. 74/2013, articolo 7 comma 5 stabilisce che gli impianti termici devono essere muniti di un “Libretto di impianto per la climatizzazione”.

Il MISE con specifica FAQ precisa che per ogni sistema edificio/impianto, di norma, va compilato un solo libretto di impianto (solo nel caso di impianti centralizzati nei quali l’impianto di climatizzazione invernale è distinto dall’impianto di climatizzazione estiva è possibile compilare due diversi libretti di impianto).

Nel caso in cui uno dei servizi sia centralizzato (riscaldamento o raffrescamento) e all’altro, si provveda in modo autonomo,  vanno anche compilati i libretti degli impianti autonomi.

Quali sono i sistemi di climatizzazione non considerati impianti termici e che quindi non devono essere registrati sul libretto di impianto?

-         gli apparecchi per la produzione di acqua calda sanitaria (scaldacqua, scaldabagni, boiler) ed eventuali pannelli solari termici ad essi collegati a servizio di singole unità immobiliari ad uso abitativo o assimilate

-         gli apparecchi mobili per riscaldamento e/o condizionamento;

-         le stufe, i caminetti o gli apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante se la potenza termica del focolare complessiva di tutti gli apparecchi non supera i 5 kW.

Se ho una stufa a legna da 3 kW (apparecchio fisso) ed un condizionatore fisso da 1,5 kW, non sono in presenza di impianti termici e non tengo il libretto di impianto (la somma degli apparecchi è inferiore a 5 KW).

Ma se la stufa a legna ha potenza di 5 kW, i 2 apparecchi sono entrambi da considerare impianto termico e va tenuto 1 libretto con 2 schede.

Se ho una caldaia a gas da 25 kW ed un condizionatore fisso da 1 kW, quest’ultimo è considerato impianto termico.

Poi si fa controllo di efficienza energetica e bollino se la potenza supera i 10 kW (12 per le pompe di calore)

Si allega tabella riassuntiva (ripresa dalle faq del CTI)sui casi in cui è necessario o meno compilare il libretto di impianto e quindi se siamo in presenza di un impianto termico

Cordiali saluti

Roberto Bianco

Joomla Templates by Joomla51.com